Giovedì 28 Ottobre 2021

Covid mette in crisi il business del matrimonio, i dati

  • 24/03/2021 - 11:00
  • Wedding
  • Redazione
https://www.orogastronomico.it/immagini_news/22-03-2021/covid-mette-crisi-business-matrimonio-dati-600.jpg

CATANIA. Il Covid ha fermato il settore del wedding che genera un volume d’affari da 4,7 miliardi di euro e da 400 mila posti di lavoro. La pandemia ha messo l’Italia in zona rossa, dopo due lockdown, dall’estate 2019, così il settore è in forte crisi. 

Motivo per il quale Matrimonio.com (sito su cui sono iscritte 62 mila aziende del settore) insieme alle associazioni di tutta Italia e alle coppie colpite in prima persona hanno dato vita a una petizione congiunta (quasi cinquemila adesioni) e pubblica al governo, affinché nel 2021 siano fissati periodi specifici e stabili per la celebrazione dei matrimoni.

Secondo un sondaggio realizzato a febbraio da Matrimonio.com su 4.427 coppie che si sono sposate nel 2020 o che inizialmente avevano una data di matrimonio nel 2020 e l’hanno posticipata al 2021 a causa del Covid, solo il 9% non ha ancora fissato una nuova data per il matrimonio.

Il 91% delle celebrazioni si terrà presto, ma in Italia, svela lo studio, a causa della crisi sanitaria il tempo medio di pianificazione delle nozze è passato da 12 a 18-24 mesi. Il 5% delle coppie che si è sposato e ha già organizzato un ricevimento nel 2020, dice che organizzerà un’altra festa con gli amici e familiari, assenti ai festeggiamenti.

Più di otto coppie su 10 che hanno rimandato il loro matrimonio nel 2020 pensa di sposarsi nel 2021. Tra queste, il 58% dichiara che questa sarà la loro festa principale. Il 64% poi afferma di aver dovuto cambiare piani e dettagli iniziali a causa della pandemia.

Secondo i dati non manca la disponibilità delle coppie ad apportare cambiamenti alle loro nozze pur di vedere realizzarsi il fatidico giorno del sì. Sempre all’insegna della sicurezza. Per il 78% degli intervistati, la salute e la sicurezza degli invitati è l’aspetto più importante nell’organizzazione del matrimonio in tempi di crisi sanitaria.

Tra gli altri dati del sondaggio, il 46% delle coppie ha dovuto leggermente ridurre la lista degli invitati a causa della pandemia, cosa che non li ha dissuasi dal procedere con i loro progetti di matrimonio. Il 24% ha preferito spostare la data in un altro giorno della settimana. In questo senso possiamo vedere che le coppie si adattano alle circostanze e riadattano il loro matrimonio per poterlo celebrare.

Festeggiamenti in luoghi controllati (ristoranti, ville, agriturismi) e misure di sicurezza al centro delle celebrazioni: tra le più comuni, tavoli a distanza di sicurezza, mascherina obbligatoria per il personale di servizio e uso del gel idroalcolico. E poi: obbligo di indossare le mascherine, tranne durante il pasto, misurazione della temperatura corporea e l’incoraggiamento al distanziamento sociale degli ospiti.

Immancabile il viaggio di nozze: il 33% delle coppie ha preparato una Minimoon – un piccolo viaggio subito dopo la celebrazione del matrimonio -, per poi dedicarsi al viaggio di nozze quando lo consentirà la pandemia. Un dato che incoraggia il settore viaggi: Il 63% ha posticipato il proprio viaggio, solo il 7% ha deciso di non organizzarlo. 

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close