Prosecco Rosé: “Cui prodest?” 0

MILANO. Joè Bastianich al suo Ricci Milano ci provò lo scorso anno, tirandosi dietro una sequela di imprecazioni e di vaffa dai puristi (anche perché era in carta a €34,00).

"/

Prosecco Rosé: Joe, ma che combini?

Quel suo Prosecco Rosé, fino ad oggi invenzione solo marketing “tutta fuffa e zero sostanza” non esisteva. Era pure una truffa. Anzi, diciamocela tutta: Prosecco Rosé, oltre che essere illegale, non si può proprio né leggere e né sentire.

Max 15% di Pinot Nero

Fino ad oggi, aggiungiamo. E sì, perché sebbene il disciplinare della bolla italiana più in voga al mondo reciti che il «Prosecco deve essere ottenuto da uve provenienti da vigneti costituiti da Glera, a cui possono concorrere, soli o congiuntamente fino a un massimo del 15%, Verdiso, Bianchetta, Perera, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio e Pinot Nero (vinificato in bianco)», da qualche settimana non si fa altro che parlare di questa indiscrezione trapelata al Vinitaly che è peraltro diventata virale sul web e non solo.

"/

Il Consorzio approva…

Ma abbiamo davvero necessità del Prosecco Rosé? Se fino a qualche settimana fa il Consorzio del Prosecco e il suo presidente, Stefano Zanette, additavano questi comportamenti come lesivi per la Denominazione, e condannabili, poiché mistificavano l’immagine di questo vino, oggi lo stesso Zanette dichiara di essere disponibile ad una revisione parziale del disciplinare Doc e Docg che consenta la produzione di bollicine rosate, sfruttando l’attuale base ampelografica esclusivamente col Pinot Nero, unica uva a bacca rossa ammessa finora.

"/

Prosecco, ma solo se di nicchia!

Ma attenzione! Banditi i prodotti di bassa gamma, bandito il Prosé (anche se il Consorzio ha vinto una causa contro Gancia su questo nome), ma un vero Prosecco che sia di nicchia quanto a qualità e che, invece di avere un massimo di 15% di Pinot Nero vinificato in bianco, si vedrà cancellato semplicemente l’obbligo della vinificazione in bianco. Capita a fagiolo, pertanto, la deroga dell’Unione Europea per i vini spumanti, i quali potranno essere realizzati (singolare caso fra i rosati) mescolando rosso e bianco.

"/

Zanette e Bisol favorevoli

Si riaggiorna, dunque, la posizione di Zanette, alla luce della declinazione rosa che il mondo eno sta prendendo da qualche anno a questa parte: «Ben venga una versione rosé fatta da quel Pinot Nero che da sempre alberga tra i nostri vigneti». Replica Bisol, patron dell’omonima cantina oggi al gruppo Lunelli di Trento: «È nelle intenzioni del Consorzio collocare questo prodotto nella zona premium, una direzione naturale per il riconoscimento crescente di cui gode oggi il Prosecco».

"/

E i rossi autoctoni?

Un interrogativo, però, è sorto tra molti: perché non modificare il disciplinare del Prosecco e inserire la possibilità di avere anche altre uve rosse come ad esempio Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc o Raboso? Quest’ultimo, ad esempio, ad esser campanilisti, è un vitigno che costella tutto il Piave tra Friuli e Veneto, ed ha una spalla acida così importante da potere eventualmente sostenere questo tipo di produzione.

"/

 Prosecco, idea Brut o Pas Dosé

Lanciamone un’altra: perché non pensare di poter annoverare tra le tipologie, oltre alle “piacione” versioni Dry ed Extra-Dry che contengono qualche decina di grammi/litro di zucchero, quelle Brut, Extra-Brut o Pas Dosé in cui di zucchero ce ne sta al massimo qualche grammo solamente? E allungare di quel tanto che basta il periodo di affinamento sui lieviti affinché si possa celebrare quel valore aggiunto apportato da un uva rossa come il Pinot Nero? Intanto riflettiamo e parliamone. Domani si vedrà.

"/

Attendiamo, ma senza trepidazione, il 2019. L’abito rosa a griffe Raboso o Pinot Nero, se matrimonio sarà, non sarà mai indossato prima di quella data.

Articolo precedenteProssimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular Topics

Editor Picks