Per Santa Lucia a Palermo si mangiano “solo” arancine e cuccìa: l’origine della tradizione 0

PALERMO. Santa Lucia a Palermo. Il 13 dicembre, oltre ad essere una festa religiosa è anche una festa che porta dietro di sé un grosso bagaglio di storia e tradizioni.

Una ricorrenza molto sentita in Sicilia, Santa Lucia infatti, oltre ad essere la patrona di Siracusa è anche una delle sante a cui i palermitani sono più devoti.

Nel capoluogo infatti il 13 dicembre i panifici sono chiusi. Perché? Perché è assolutamente vietato mangiare pane, pasta e qualsiasi altro alimento prodotto con farina di grano raffinata.

Santa Lucia a Palermo… un pò di storia

La tradizione ha radici antichissime: nel 1646 a Palermo, il popolo stremato da una terribile carestia ha invocato l’aiuto divino affinché la propria sofferenza avesse termine, impietosita dalle sue preghiere, Santa Lucia fece attraccare alcune navi cariche di grano nel porto di Palermo salvando di fatto la città dalla carestia.

I palermitani, stremati dalla fame decisero bollire il grano e condirlo con un po’ d’olio. Così nacque la prima cuccìa ed è per rispetto di quei giorni difficili e della misericordiosa Santa Lucia che ancora oggi è usanza molto osservata tra gli abitanti i astenersi dal consumo di pasta e pane ogni 13 dicembre.

La cuccìa nelle sue varianti

La cuccìa è un dolce di grano bollitto, solitamente mescolato con crema di ricotta o di latte, zucca candita e scaglie di cioccolato.

La cuccìa, dolce della tradizione, si prepara ancora oggi nelle case siciliane e si può trovare in molte pasticcerie, da Palermo a Siracusa. 

"/

Come si prepara

Lasciate a bagno il grano per una notte, scolatelo e cuocetelo a fuoco medio con acqua e poco sale per circa tre ore. Quindi spegnete il fuoco e coprite con uno strofinaccio la pentola.

Lavorate a parte la ricotta con lo zucchero fino a ottenere una crema zuccherata dalla grana finissima. Sbattete la ricotta con la frusta elettrica.

"/

Aggiungete alla crema di ricotta le gocce di cioccolato, l’arancia candita tagliata a cubetti e infine il grano scolato e asciugato con un canovaccio di cotone.

Mescolate bene il tutto, versate in ciotole monoporzione di vetro o ceramica e mettete in frigo. Prima di servire spolverate con una nuvoletta di cannella in polvere e qualche goccia di cioccolato.

Il rito quasi sacro dell’arancina

Ma la protagonista incontrastata del giorno di Santa Lucia è l’arancina, niente di più che un piccolo timballo di riso fritto e variamente condito, a forma sferica che ricorda appunto il frutto dell’arancia (da qui il nome).

L’arancina a Palermo si mangia tutto l’anno, tanto che i veri estimatori non aspettano certo il giorno di Santa Lucia per assaggiare la migliore, giornata in cui tutti per tradizione ne mangiano almeno una.

Dalle classiche al burro o alla carne alle più ricercate, ce n’è per tutti i gusti: al salmone, ai funghi, al gorgonzola, agli spinaci, alla salsiccia e per i più golosi arancine al cioccolato e panelle dolci con crema e ricotta.

Ma per una guida dettagliata alla ricerca della migliore arancina vi rimandiamo alla nostra inchiesta.

E buon appetito!

Articolo precedenteProssimo articolo
Una giornalista di “vecchia” generazione visto come corono i tempi! Germana Bevilacqua è una giornalista professionista palermitana, si è formata nella carta stampata a cui si è dedicata per circa 20 anni. Inizia a scrivere e collaborare con varie testate ragionali all’indomani del diploma, spinta dalla passione per questo mestiere e dal sogno di entrare in una redazione. Nel 2001 a soli 25 anni entra a far parte della redazione catanese del Quotidiano di Sicilia nel ruolo di operatore redazionale, una mansione che le permette di scoprire come “si fa” un giornale cartaceo dalla realizzazione degli articoli, alla correzione delle bozze, all’impaginazione fino alla rotativa. Nel 2014 ritorna a Palermo, la città da cui non si è mai veramente staccata, e per due anni collabora con un mensile siciliano che si occupa di agricoltura professionale. Nel 2016 inizia la sua esperienza con l’editoria on line, dapprima sul sito Blog.it dove si occupa dell’informazione generalista per poi approdare alla direzione di Sicilianews24, una testata on line regionale presente sul territorio dal 2009. La sua nuova avventura riguarda adesso il mondo del food a fianco di Federica Terrana e di tutto il team di Orogastronomico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular Topics

Editor Picks