Mercoledì 25 Novembre 2020

Palermo, ristoratore si incatena e fa lo sciopero della fame per protesta

https://www.orogastronomico.it/immagini_news/19-11-2020/palermo-ristoratore-incatena-sciopero-fame-protesta-600.jpg

PALERMO. Ha iniziato ieri lo sciopero della fame all'interno del suo ristorante per protestare contro le disposizioni del nuovo Dpcm del governo. Alessandro Azzimati, titolare del Ristorantino Leone in via Cavour a Palermo, da quel 24 ottobre ha continuato la sua attività attraverso il servizio di asporto, cercando di tirare avanti mettendo in campo nuove idee e investendo sulla creazione di un forno a legna che gli consentisse di vendere le pizze, poi il sushi, una linea di panettoni e per ultimo la realizzazione di un piccolo market.

Una campagna pubblicitaria attraverso i social portata avanti da lui stesso con energia, ma ad oggi il ristoratore non ce la fa più e ha iniziato una protesta "pacifica" lagato alla sedia del suo locale giorno e notte. Azzimati chiede al governo la riapertura dei locali anche con pochi posti a sedere.

"Sarà pure umiliante mostrare le mie debolezze, ma ho terminato le forze e la pazienza - dice Azzimati - non dormo più la notte, i pensieri mi assalgono e non voglio chiudere dopo tanti sacrifici. Tutti noi abbiamo il diritto di lavorare in sicurezza, ma il governo non può usare due pesi e due misure tra le attività. Basta andare in giro per strada per vedere la gente ammassata all'interno dei negozi di altra natura, o nei mercatini rionali oppure nei centri commerciali o al centro storico. E' logico che se la gente, essendo libera di uscire fino alle 22, non ha dei punti di riferimento e si formano gli assembramenti".  

Secondo Azzimati occorrono delle regole che possano mettere in sicurezza i clienti. Regole stabilite in passato dallo stesso governo che erano state rispettate dai ristoratori, i quali avevano investito non pochi soldi per l'acquisto di plexiglass, mascherine e disinfettanti.

"Ci avevano detto - spiega Azzimati - che dovevamo ridurre il numero di commensali all'interno del ristorante, l'abbiamo ridotto di un quarto con distanziamento di oltre due metri fra i tavoli, quattro per nucleo familiare, ma adesso non va più bene".

Adesso, malgrado il servizio di asporto e il domicilio, Azzimati tra l'affitto, le utenze, gli stipendi non arriva alla fine del mese. Un caso che rispecchia la condizione dei ristoratori italiani. 

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close