Viaggio AIS tra Champagne e Borgogna sulla terrazza del Grand Hotel Faraglioni 0

CATANIA. Un affascinante percorso compiuto in un paesaggio enologico unico, come le terre della Champagne e della Borgogna. Si è svolto sulla terrazza “Itaca” del Grand Hotel “Faraglioni” di Aci Trezza, sul litorale etneo. È qui che giovedì scorso è andata in scena l’elegante e prestigiosa degustazione. E’ stata organizzata da AIS Sicilia dedicata ad alcune etichette esclusive, all’insegna dell’alta qualità e della vera identità.

Champagne e non solo sulla Terrazza del Grand Hotel Faraglioni

La lunga tavolata imbandita sulla terrazza ha consentito ai numerosi partecipanti di contemplare lo straordinario orizzonte dei Faraglioni; i sommelier dell’Associazione servivano vini storici, che raccontavano di territori d’Oltralpe, attraverso la voce del presidente regionale di AIS Sicilia, Camillo Privitera.

“Stasera proponiamo un percorso di bellezza e di piacere con vini unici e fortemente identitari – ha detto Privitera, accogliendo gli ospiti –; puntando non solo sul tema della qualità, ma anche della identità di prodotti che rappresentano la connessione autentica tra natura, uomo, cultura e vino. Parliamo di legami che durano da centinaia di anni. Per fare vini di questo livello, infatti, bisogna possedere una profonda cultura ed una grande conoscenza del territorio e rispettarne il percorso con le sue tradizioni sedimentate”.

“Appuntamenti prestigiosi come questi sono i benvenuti nella nostra terrazza e nei nostri locali – ha sottolineato Filippo Mangano, il sommelier del Grand Hotel “Faraglioni” –. Quando abbiamo rilanciato la nostra filosofia e idea di accoglienza in chiave siciliana, abbiamo contemplato anche eventi come quello di stasera, dove traspaiono conoscenza, qualità e identità territoriali. Tutti temi che ci stanno molto a cuore e che perseguiamo ogni giorno, accogliendo i nostri ospiti, sia al Grand Hotel che al ristorante”.

Al via le danze, dunque, con l’arrivo nei calici di Soutiran, Ambonnay: Champagne Brut Nature Grand Cru. Una etichetta che giunge da un villaggio davvero molto piccolo, ma dall’alta concentrazione di vigneti. Un vino dal grande timbro olfattivo, dall’elegante freschezza, coerentemente sapido e minerale in bocca.

La passeggiata enologica è proseguita con Domaine Francois Feuillet, Echezeaux Grand Cru 2020. Anch’esso molto fresco, con immediati richiami ai frutti rossi, alle spezie, di grande impatto floreale.

Il terzo vino servito è stato il Clos Saint-Denis Grand Cru 2017, Lucien Le Moine, altra espressione di un piccolo territorio ma dalla grande storia, dove la presenza di monaci e abati ha caratterizzato il percorso culturale compiuto finora. Componente erbacea, fiori selvatici, rosa canina, speziatura: gli elementi elegantemente ritrovati nel calice.

Annata 2017 anche per il Clos de la Roche Grand Cru, Louis Jadot. Nasce da un terreno molto sassoso, un vino che ha parlato più al palato che al naso e che in bocca ha rivelato richiami setosi e vellutati.

Complessità molto significative riscontrate anche nell’etichetta di Chapelle-Chambertin Grand Cru 2009, sempre di Louis Jadot. I richiami ai boschi, alla frutta rossa selvatica sono serviti a ispirare nuovi racconti enologici.

La degustazione si è conclusa con Vega Sicilia Unico 2011, Ribera del Duero, che ha giocato con le sensazioni suscitate dal Tempranillo. Un vino fascinoso, piacevole, gustoso, che alterna eleganza a rusticità, con quei richiami latini tra Spagna, Francia e Italia.  

Una piacevole sorpresa per gli ospiti, infine, sono state le preparazioni di appetizers dell’Executive Chef del Grand Hotel, Simone Strano. Ha realizzato con la sua brigata di cucina dei Tagliolini 30 tuorli con mango, gambero bianco, ricci, peperone rosso e giallo.

Un Kefish di pesce spada, agrumi ed erbe aromatiche, con salsa greca fatta da noi, cetrangolo, pomodori gialli semisecchi, insalatina, salsa piccante. Una Parmigiana in carrozza servita a stecco ed una Montanara Aci Trezza, con alga mauro, cipolla di Giarratana e pomodoro datterino semicandito.

Al supporto della segreteria AIS per il servizio di sommellerie, con la Delegata AIS Catania, Maria Grazia Barbagallo, e la responsabile di segreteria, Tiziana Gandolfo, con la squadra di sommelier AIS, si è unita la brigata di sala del Grand Hotel “Faraglioni”. A tutti loro sono andati i ringraziamenti per la riuscita della gradevole ed unica serata.  

Articolo precedenteProssimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular Topics

Editor Picks