Davide Fecarotta, tradizione e semplicità dei sapori in chiave innovativa 0

PALERMO. Passione, sacrificio, determinazione. In cucina sono tre elementi essenziali, e lo chef Davide Fecarotta lo sa bene. La sua arte culinaria rivisita i piatti della tradizione siciliana in chiave innovativa. Gioca sui contrasti di sapore. La sua è infatti una cucina tecnica, essenziale, originale. Lo chef stupisce proponendo un sapore familiare in una veste nuova.

Davide Fecarotta nasce nel 1987 a Palermo. Da bambino passa ore nella cucina dello zio. A 9 anni inizia a praticare lotta greco-romana. È vivace e sa dare il giusto valore alla scuola e allo svago. Frequenta l’Ipssar P. Borsellino. Trova nuovi sbocchi lavorativi e nel 2003 è in un 4 stelle abruzzese nella linea dei primi piatti, immerso nei profumi di nuovi prodotti. In estate ritorna nella sua terra a Salina e poi in Emilia Romagna.

Inizia al Miramonti Majestic Grand Hotel 5 stelle come chef di partita ai primi piatti. Frequenta la Scuola di cucina Alma a Colorno (PR) conseguendo il diploma in Arte culinaria. Nel 2008 contattato da un noto chef di Palermo, Natale Giunta. Tra loro c’è sintonia per quattro anni. Impara le tecniche e trova l’ispirazione. Affascinato dalle innovazioni si cimenta nel sushi e nella cucina gourmet. Per dodici anni collabora per un noto catering a Palermo presso l’ azienda Galati. Diverse consulenze di nuove aperture di ristoranti sul territorio palermitano ed organizzazioni di eventi esclusivi come Chef&Vip.

Lo chef conosciuto anche per il famoso pranzo di Domenico Dolce a Polizzi Generosa. Non Mancano le presenze dei Show Cooking in tv, come Alice tv su sky e il format Siciliano Cooking in giuria. E’ componente di Euro-Toques Italia.

I suoi piatti sono puramente siciliani richiamando le vecchie ricette e della cucina povera con l’utilizzo con prodotti di stagione . Oggi incaricato nella chef Consultant presso l’ Albhalara resort Monreale di Montalbano group. I suoi progetti futuri guardano alla grande struttura di Monreale con l’obiettivo raggiungere un nuovo design super lussuoso. All’interno sala banchetti, servizi d’ Hotel, centro benessere e ristorante gourmet richiamando a tavola la tradizione in chiave innovativa.

Ecco la ricetta di uno dei piatti must dello chef: Sfincione di Baccalà

Ingredienti per 4 pax

• 5 pomodori per salsa fresco

• 3 cipolla

• filetti d’acciuga sott’olio q.b.

• 4 fette di pane di Monreale

• 100g caciocavallo ragusano

• 100g di pomodorino datterino

• 400g filetto baccalà

• pan grattato q.b.

• Origano q.b.

• Erbetta Timo q.b.

• 50 g mandorle tostate

• foglie crescione vene cress per decorare

• 1 mazzo di menta fresca

• 1l olio di semi

• olio e.v.o.

• Sale q.b.

• Pepe q.b.

Procedimento

In una padella preparare la salsa sfincione, mettendo a rosolare la cipolla precedentemente tagliata a julienne e filetti d’aggiunga. Una volta ben rosolato, stufare aggiungendo acqua di cottura. Successivamente aggiungere i pomodorini datterini tagliati a quadrucci e cucinare.

 Cottura ultimata condire con sale, pepe e timo tritato. A parte realizzare un rettangolo di baccalà, privare le parti in eccesso e passare in farina “00”. Friggere il pesce in olio di semi molto caldo. Impiattare con base di pane di Monreale precedentemente tostato al forno a 180 c° per circa 10 minuti.

Adagiare il baccalà fritto ed la salsa sfincione, per finire scaglie di caciocavallo, origano, pane e mandorla tostato in padella. Infine, guarnire con acqua di pomodoro ristretta ed erbe aromatiche.

Per l’acqua di pomodoro. Lessare i pomodori, una volta cotti privarli della pelle, passarli in un colino per ricavarne la sua acqua, con un mixer ad immersione montare con aggiunta di olio e.v.o. 

Articolo precedenteProssimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Most Popular Topics

Editor Picks