Venerdì 04 Dicembre 2020

Voglar, quel Sauvignon “dogmatico” che sa di genuino

  • 23/10/2018 - 12:21
  • Wine&beer
  • Marcello Malta
https://www.orogastronomico.it/immagini_news/01-06-2020/voglar-quel-sauvignon-dogmatico-che-sa-di-genuino-600.jpg
PENONE (BZ). Dal trentino fogolar (focolare), quello di Peter Dipoli è un vino che sta nell’Olimpo dei grandi Sauvignon Blanc d’Italia. L’azienda è del 1987. Voglar è la zona dei terreni. Siamo a 500-600 metri sopra il livello del mare, natura sabbiosa, scheletro calcareo di origine dolomitica. Allevamento a Guyot, 7.500 piante per ettaro. La zona è quella di Penone, frazione di Cortaccia, circa 30 km a Nord di Trento.

Dipoli, istrione col suo Sauvignon Blanc

Peter, 64 anni, è noto in tutto lo Stivale: produttore, distributore, consulente, talent scout. Di rarissima capacità e competenza, rappresenta orgogliosamente i piccoli vignaioli di qualità. Vero e proprio istrione del panorama enologico italiano. Impulsivo, vulcanico, energico, deciso: non sbaglia un colpo. Il suo vino è schietto e sincero. Zero filtri.

A ciascun vitigno il suo habitat naturale

La sua filosofia? Lo potete scorgere dalla sua pagina: è quasi integralista e sta essenzialmente in quel che sostiene. «Quando diventai produttore cercavo un metodo che interpretasse me stesso sulla scelta dei vitigni e sul vino prodotto. Ritengo che ogni vitigno vada collocato nell’habitat ad esso più congeniale. Al produttore solo il compito di trasformare l’uva, così come i vigneti gliel’hanno consegnata, in un prodotto fedele al terreno, all’ambiente, all’annata». Niente mode e niente manie, dunque, per il Peter altoatesino. Solo genuinità. Se si asseconda il gusto del mercato si compromette la naturale variabilità del prodotto e si snatura l’unicità del territorio. Un dogma per Dipoli.

Escursioni termiche e alto profilo qualitativo

Attualmente coltiva cinque ettari con Sauvignon Blanc, Merlot e Cabernet Sauvignon. Tra i ripidi declivi i filari traggono beneficio da ottimali esposizioni e da notevoli escursioni termiche. Dipoli fa nascere 40 mila bottiglie all’anno. I suoi vini incarnano un elevato ed elegante profilo qualitativo e generano sensazioni genuine, rustiche e molto profonde. Senza vie di mezzo insomma.

Quel naso che ammalia

Il naso è stregato da fragranze tropicali, agrumate di mandarino, mela verde, pompelmo e bergamotto. Ti solleticano anice stellato e chiodo di garofano. Pregevoli note erbacee di bosso, salvia, ortica e foglia di pomodoro. Accattivanti connotazioni minerali di idrocarburi, pietra focaia, polvere da sparo e gesso chiudono il quadro olfattivo. Di grande interesse.

Freschezza e sapidità nel segno del pompelmo

Il sorso è possente, è spesso, è “commovente”. Energico e fresco al contempo. Nitidezza di sensazioni gustative che ripetono quelle odorose. Il pompelmo impera. Vigorosa sapidità e gagliarda spina acidica sorreggono la sensazione pseudocalorica. A tratti nerbo, a tratti suadenza. Insieme eleganza. Deglutisci ed è lunghissima l’eco retrolfattiva dei ritorni agrumati e minerali. Ti pervade, ti persuade. Ti convince. E te ne fai felicemente una ragione. Può invecchiare serenamente. Vorresti averne tanti in cantina. Da risentire per nuovi aromi tra 4-5 anni. Eccellente. [93+]. In enoteca sui 22-23 euro. Lo abbiniamo con un risotto zucca e salsiccia, mantecatura di Parmigiano e Asiago, paprika dolce, spezie, foglie di salvia, olio evo e noce di burro a fine cottura.

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close