Lunedì 21 Settembre 2020

Sicilia continente gastronomico, un viaggio suggestivo nell'identità isolana

https://www.orogastronomico.it/immagini_news/01-06-2020/sicilia-continente-gastronomico-viaggio-suggestivo-identit-isolana-600.jpg

PALERMO. Lo sguardo cattura la bellezza dei microcosmi siciliani, rivelandola attraverso gli scatti più autentici. Fragranze  e sapori evocativi che segnano un territorio. Frutto di tradizioni lontane, che si sintetizzano nei piatti degli chef, grandi interpreti e ambasciatori della moderna cucina isolana. Un viaggio gastronomico legato alla storia e alle bellezze della Sicilia, raccontate tra le pagine del libro "Sicilia continente gastronomico, i grandi chef e la tradizione". L'antologia de Le Soste di Ulisse, edita da Giunti, è redatta dal giornalista Francesco Pensovecchio e illustrata dal fotografo Benedetto Tarantino. E' stata presentata alla platea di giornalisti e pubblico di amatori nella sala del Teatro Garibaldi alla presenza di Pino Cuttaia, presidente de Le Soste di Ulisse, del vice Tony Lo Coco e di alcuni membri del direttivo dell'associazione. "/

Sicilia continente gastronomico

"Sicilia continente gastronomico, i grandi chef e la tradizione" è un libro che ispira appassionati e curiosi, cittadini e turisti, amanti del bello e del gusto autentico. Che si collega a una tradizione che guarda all'innovazione. E suggerisce di volta in volta un assaggio, che sia da un banco al mercato o dalla tavola di uno chef stellato. Un giornalista e un fotografo, entrambi figli di questa terra e tenaci cultori della sua identità, dipingono la Sicilia. Terra che si collega a una tradizione culinaria. "/

Intreccio di arte, sapori e bellezze 

Arte, bellezze, paesaggi e sapori si intrecciano in una terra, anima caliente che arde in chi ne è figlio legittimo o la fa sua. "/ E' un amore a prima vista che fa battere il cuore, come i baci rubati tra due adolescenti; un abbraccio in spiaggia al tramonto che ti scalda l'anima; il sorriso di una madre che ti strappa una lacrima. "/ Terra del barocco di Noto e del cioccolato di Modica, di luoghi incantati del commissario Montalbano e del cannolo o della cassata. "/ E' il mercato del Capo a Palermo e il cous cous trapanese, i ricordi letterari o le immagini del grande cinema, che ci riportano sui luoghi del Gattopardo. "/ Frammenti canonici, come il teatro dei pupi, raccontano di tradizioni antiche; immagini più insolite come la Cattedrale del sale, nelle miniere di Realmonte, le mummie nella Cripta dei Cappuccini o gli alberi della manna svelano nuovi misteri. "/ Gli scenari danteschi dell'Etna o delle Eolie, a un passo dall'incanto del mare, riassumono la potenza e le armonie della natura, della storia e della cucina siciliane. "/ Tutto ciò scorre tra le pagine, e a guidare i nostri passi e a suggerire di volta in volta un assaggio, una fetta di un territorio. "/

Cuttaia: "Raccontiamo la Sicilia a 360 gradi"

"Vogliamo raccontare una Sicilia a chi la visita - afferma Pino Cuttaia, presidente de Le Soste di Ulisse - attraverso luoghi, cibo, cultura. E ognuno diventa ambasciatore del proprio territorio. Noi mostriamo al turista che viene a cena una fetta della città: gli raccontiamo la storia e i profumi, coscienti che quando tornerà nel suo Paese porterà con se l'entusiasmo che trasmetterà ad altri, che verranno in Sicilia proprio per vivere le medesime emozioni". "/

Pensovecchio: "Il territorio e la cucina degli chef "

Settanta ricette originali, gustose e vivaci già nelle parole dei loro ideatori, celebrano il gesto creativo e la ricerca che non teme un confronto con la tradizione. "/ "Venti racconti contenuti nel libro - spiega Francesco Pensovecchio, giornalista -. Si spazia dai luoghi fisici, dal mare alle montagne, all'interno storie legate al food e alla gastronomia che si ricollegano agli chef, ognuno dei quali hanno scritto due ricette". "/ Lontana dai luoghi comuni e vitale, creativa al cospetto di una millenaria vicenda, la cucina d'autore si inserisce perfettamente nel quadro. "/ Chef stellati e non, singoli interpreti o nuclei familiari che si rinnovano nelle generazioni. "/

Lo Coco: "Il cibo come linguaggio universale"

Il cibo è un linguaggio universale - dice Tony Lo Coco, vice presidente de Le Soste di Ulisse - attraverso il piatto puoi capire l'idea del cuoco, la stagione. Il piatto è un libro, e il libro de Le Soste di Ulisse rappresenta tutti noi". "/  

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close