Giovedì 01 Ottobre 2020

Sfincia di San Giuseppe, la deliziosa frittella con ricotta della tradizione siciliana

https://www.orogastronomico.it/immagini_news/01-06-2020/sfincia-giuseppe-deliziosa-frittella-ricotta-tradizione-siciliana-600.jpg

PALERMO. Sfincia di San Giuseppe, la deliziosa frittella con ricotta della tradizione siciliana. Sfincia: in latino è spongia, in arabo è isfan?. Entrambi significano spugna e si riferiscono alla sfincia, frittella morbida e porosa, proprio come la spugna, dalle forme irregolari, dolce fritto tipico siciliano di diritto inserita tra i PAT, Prodotti Agroalimentari Tradizionali italiani.

 Sfincia di San Giuseppe

E il 19 marzo, festa di San Giuseppe, è proprio il giorno consacrato al consumo massivo di questo puro godimento, diffusissimo in tutta la Sicilia occidentale, ma che ha avuto i natali a Palermo, anche se col tempo c’è stato uno sdoganamento da dolce primaverile a delizia disponibile tutto l’anno.

Diverse le origini

C’è chi dice che San Giuseppe per mantenere Maria e Gesù fosse diventato venditore di frittelle. C’è chi l’ha “vista” tra la Bibbia ed il Corano sebbene con nome differente. C’è chi attribuisce la sua genesi – e quest’ultima versione sembrerebbe la più verosimile – alle suore palermitane del Monastero delle Stimmate di San Francesco che modificarono un’antica ricetta di un pane arabo-persiano fritto in abbondante olio, dedicando la sfincia al Santo degli umili, così come umili erano i suoi ingredienti (farina, uova, latte e zucchero).

Da pane a leccornia dolce

Solo in seguito la pasticceria siciliana aggiunse crema di ricotta, pistacchi in granella, gocce di cioccolato, scorza d’arancia candita e la ciliegina candita, rendendola totem indistruttibile tra i dolci della città.

Ogni scusa è buona…

Così come il 13 dicembre, festa di Santa Lucia, per il palermitano è prassi consolidata mangiare una serie non numerabile di arancine, panelle, riso e cuccìa, così il 19 marzo si ritiene di diritto “giustificato” a fare lo stesso con le sfince senza nemmeno pensare di avere il minimo senso di colpa. Ogni scusa è buona per mangiare. Siamo delle buone forchette e lo gridiamo al mondo senza vergogna da qualche secolo ormai. Fosse per noi (chi scrive è palermitano, ndr) disporremmo da celebrare, religiosamente e “agiograficamente”, un santo a settimana.

La ricetta golosa

La sfincia, grossa come un pugno, si frigge in grassi. Si impasta la farina con uova intere a cui si aggiungono solo tuorli. Si aggiunge lievito, latte e zucchero. Si mescola e si aspetta che l’impasto diventi elastico e morbido. Poi va a riposo per la lievitazione. Una volta lievitato va “tuffato” in padella con strutto o sugna (sono leggerine le sfince, eh!) e quando è dorato viene fatto raffreddare e guarnito abbondantemente come abbiamo spiegato sopra. Facile, no? Allora che sfincia sia! E ricordate: non solo il 19 marzo… ma tutto l’anno.

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close