Martedì 29 Settembre 2020

Just Eat, vince il cibo sano a domicilio: ecco i trend 2019

https://www.orogastronomico.it/immagini_news/01-06-2020/just-eat-vince-il-cibo-sano-a-domicilio-ecco-i-trend-2019-600.jpg
ROMA. Vince il cibo sano a domicilio. A dirlo è Just Eat, l'app per ordinare online pranzi e cene a domicilio in tutta Italia e nel mondo, attraverso il suo Osservatorio sui Food Trend, che analizza i dati degli ordini a domicilio da oltre 10.000 ristoranti in 1.000 città italiane, e che svela la crescente passione degli italiani per l'healthy food anche a domicilio.

Just Eat, i trend 2019

Spopola il poké (piatto tipico della cucina nativa hawaiana a base di pesce crudo) con +2.000% di richieste; segue il menu veggie-vegan con +157%; le specialità di pesce con +77%; e ancora il vegetariano e vegano con +74%; e le insalate con +30%. All'interno di questi trend, c'è un'impennata negli ordinativi per gli hamburger (vegetariani, vegan, avocado e quinoa), per la pizza margherita senza glutine e le insalate componibili con gli ingredienti desiderati. La cucina healthy spopola soprattutto a Roma, seguita da Milano, da Pescara e da Torino. Gli ordini di cibo sano, fa sapere Just eat, sono aumentati di oltre il +150% negli ultimi sei mesi.

I piatti preferiti a domicilio

  • Poke bowl con salmone
  • Pizza senza glutine
  • Edamame
  • Insalata verde e mista
  • Avocado Burger (e veggie burger)
  • Vellutata di Zucca, bio e con verdure di stagione
  • Pollo (tagliata, insalata, petto di pollo)
  • Pesce spada (griglia, piastra, arrosto)
  • Centrifughe, frullati, estratti

Gli ingredienti più richiesti

La curcuma è tra gli ingredienti più in crescita soprattutto nelle zuppe antiossidantie nelle vellutate, ma anche in proposte come il pollo marinato alla curcuma, le bowl e in tutte le ricette della cucina africana e mediorientale a base di vegetali, così come i wrap, gli hamburger, i centrifugati e i risotti. Conquistano un posto come super trend anche lo zenzero, il cavolo (nero), i fagioli rossi, questi ultimi soprattutto negli hamburger di Quinoa, nelle zuppe e nelle bowl con legumi, e il riso rosso, così come i grissini di sesamo e il pane integrale. Seguono la Quinoa, usata in modo simile ai cereali e con le verdure, i legumi, oltre ai fagioli rossi, le lenticchie e i ceci, e la frutta secca, soprattutto le mandorle, ormai un must-have anche sbriciolate sui maki nippo-brasiliani. Spostandosi nel mondo frutta, l’avocado regge lo scettro e nei piatti a domicilio lo ritroviamo diffusamente, dalle poke bowl alle insalate, fino al mitico avocado burger, tra i piatti più richiesti. Tra i superfood appare anche la Pitaya o Dragon Fruit per frullati coloratissimi e ipocalorici o per ordinare frutta esotica mix direttamente a casa, con l’aggiunta spesso di zenzero o estratti di carota, lime ma anche verdura come sedano e finocchio in ottica detox, o ancora nuovi mix con anguria, barbabietola rossa e fragole… per un sapore decisamente estivo!

Le città più healthy-addicted

La cucina healthy spopola soprattutto a Roma, seguita da Milano, da un’insolita Pescara e da Torino. Seguono Ferrara, Parma, Napoli, Bologna e Firenze. Fra gli ingredienti più cool da Nord a Sud dell’Italia troviamo l’avocado, quasi “l’ottavo re” di Roma, che si definisce la città che ne consuma di più, seguita da Milano, Torino e Genova. Il capoluogo lombardo sceglie invece soprattutto la Quinoa e i legumi, seguita da Parma e Napoli. La Spezia è tra le prime città italiane dove si mangia più zenzero, assieme a Palermo e Trieste, mentre il cavolo nero è amato a Pescara.

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close