Sabato 28 Novembre 2020

Feudo Disisa, Touring Club e Doctor Wine premiano il Catarratto “Lu Bancu” 2019

  • 12/09/2020 - 11:00
  • Wine&beer
  • Marcello Malta

GRISÌ (Pa). Ancora successi per l’azienda palermitana Feudo Disisa di Mario Di Lorenzo. Alti i punteggi per il Catarratto in purezza Lu Bancu 2019 nelle guide dedicate ai migliori vini italiani. La Sicilia del vino di qualità conquista, vendemmia dopo vendemmia, sempre più risalto e importanza.

“Lu Bancu” Monreale Doc, uno dei fiori all’occhiello dell’azienda guidata dall’enologo Tonino Guzzo, conquista infatti la Corona, massimo riconoscimento assegnato all’interno della guida Vinibuoni d’Italia 2021, a cura del Touring Club Italiano. Un importante traguardo che si aggiunge ai 95 punti ottenuti recentemente nel wine tasting della Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2021 di Doctor Wine, alias Danielle Cernilli, riconosciuto come massimo esperto e critico di fama internazionale nel mondo del vino.

Grandi punteggi e prestigiosi riconoscimenti per un vino e una varietà, quella del Catarratto, che Feudo Disisa ha voluto produrre, esaltando le peculiarità di questo vitigno principe della tradizione siciliana che, nel nostro areale, gode delle migliori condizioni pedoclimatiche, in particolare nei terroir della Doc di Monreale: qui il vigneto del Lu Bancu accoglie viti perfettamente ambientate all’habitat e al contesto naturale ad una altitudine compresa tra i 400 e i 500 metri sul livello del mare.

Lu Bancu Catarratto Monreale Doc 2019, caratterizzato da un patrimonio gusto-olfattivo di prim’ordine - si conferma, dunque, simbolo di eccellenza e di qualità nel panorama enologico siciliano, con un respiro espressivo lungo e un corpo che si coniuga con una finezza olfattiva che esprime il valore enologico di un terroir come quello della Doc Monreale; in particolare nella pluripremiata l’annata 2019, vendemmiata in leggero anticipo rispetto all’anno precedente.

«Questi importanti riconoscimenti rappresentano per noi un motivo di grande orgoglio – commenta Mario Di Lorenzo, alla guida dell’azienda di famiglia con il padre Renato. Uno splendido risultato che corona brillantemente il percorso di crescita aziendale, fondato sulla valorizzazione dei vitigni autoctoni della nostra Sicilia, come il Perricone, il Nero d’Avola e il Catarratto».
Nell’olimpo dei Catarratto siciliani, nel Lu Bancu dominano con garbo le dolci note agrumate di cedro e pompelmo, di mango, ananas, pera, nespola, mela verde e pesca sbergia. Bell’erbaceo tra fiori di sambuco e salvia. Poi ancora pepe bianco. Chiude una lieve, ma interessante, nota di pietra focaia. In bocca ha tensione di nerbo acidico. “Ciccia” e freschezza insieme. Potenza e controllo. Il massimo per un vino. Sapidità moderata, ma la freschezza palatale emoziona non poco. Di poliedrica abbinabilità a tavola.
 

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close