Lunedì 21 Settembre 2020

Camporeale Days, numeri “boom” per la VI edizione e quel “Francia-Italia” pari e patta nella masterclass sul Syrah

  • 10/10/2019 - 06:11
  • Wine&beer
  • Marcello Malta
https://www.orogastronomico.it/immagini_news/09-06-2020/camporeale-days-numeri-boom-per-la-vi-edizione-e-quel-francia-italia-pari-e-patta-nella-masterclass-sul-syrah-600.jpg
CAMPOREALE (Pa). Più 15% rispetto al 2018, ben 13.500 presenze e tutto esaurito per la sesta edizione del Camporeale Days del weekend 4-6 ottobre. Numeri in crescita per la manifestazione organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Camporeale, con il patrocinio del Comune, nata per valorizzare e promuovere le risorse enogastronomiche, artistiche, artigianali e turistiche dell’Alto Belice.

Numeri record

Ein plein raggiunto tra visite in cantina, degustazioni, workshop, cooking show, alternate a mostre di moto e auto d'epoca e a musica dal vivo. Produzioni agroalimentari e artigianali di nicchia, turismo sostenibile, metodi di produzione tradizionali e biologici di un territorio ricco di coltivazioni che raccontano la storia del Mediterraneo come la produzione di frumento, di olive, di vino. Il Camporeale Days è stato tutto questo.

Alessandro: siamo sulla strada giusta

In aumento le aziende espositrici, quest’anno ben cinquanta. Successo anche per le novità del 2019: i cooking show e il raduno di mountain bike. «Pienone anche per gli spazi gastronomici e per le masterclass sul vino – commenta Benedetto Alessandro (in foto sopra), presidente della Pro Loco – segno di interesse crescente verso questa zona. Dopo sei annate il “Camporeale Days” si proclama un successo grazie a tutte le risorse produttive del territorio e ad un’amministrazione comunale lungimirante. È la strada giusta per la valorizzazione del nostro territorio».

Syrah: Francia o Italia?

Spicca per risalto e per valore una inedita masterclass condotta da Luigi Salvo, delegato AIS di Palermo. Un a prima vista incauto parallelismo tra produzioni dell’areale di Camporeale e quello geneticamente originale della Valle del Rodano in Francia, tra Côte Rôtie ed Hermitage, entrambi territori di elezione, ha permesso di delineare parametri e caratteristiche del vitigno internazionale più diffuso in Sicilia: il Syrah. Particolarmente vocato da queste parti, trova analogie attitudinali con la sola Cortona, paesino in provincia di Arezzo, con la quale detiene il primato qualitativo. Quantitativamente, invece, con 4.500 ettari (4,5% dell’intera produzione della Sicilia), il Syrah ha in Camporeale l’allevamento maggiore di tutta Italia. Se a prima vista, però, il confronto Francia-Italia può essere sembrato improponibile e sbilanciato, in seconda battuta e a degustazioni ultimate, s’è evinta in maniera inequivocabile l’importanza del terroir per questo vitigno, cioè il rapporto che lega un’uva al microclima e alle caratteristiche del suolo in cui è coltivato. Risultato? Nessun vinto, solo vincitori. Anzi, 4-4, dato che le referenze in degustazione erano otto. Grazie alla magnifica adattabilità di questa varietà (il Syrah vive con grandi espressioni di sé in mezzo mondo: Europa, California, Sudafrica, Australia, etc.), s’è potuto constatare la coerenza territoriale sia delle espressioni camporealesi sia di quelle del Rhône. Vini che, a quattro a quattro, oltre ad esprimere l’odore pungente e decisamente inconfondibile del pepe nero, peculiare del vitigno, grazie alla molecola poco volatile del Rotundone, meno percettibile a quelle degli aromi secondari (motivo per la quale è avvertita solo dopo oppure in fase di retrolfazione gustativa), hanno raccontato i territori. Quelli palermitani hanno una matrice spiccatamente floreale e fruttata, caratterizzata da dolcezza e da succosità di frutto, con lievi accenni di evoluzione (erano pur sempre tutte 2016, dunque giovani), mentre sui francesi è stato possibile registrare una maggiore tridimensionalità, dovuta ad una più marcata percezione dei sentori minerali (pietra focaia, polvere da sparo, brecciolino, sulfureo) e di evoluzione a discapito della gioventù del frutto. Due modi straordinari di intendere e valorizzare una stessa varietà di uva, quasi a sottolineare la poliedricità naturale di un vitigno straordinario, oggi inequivocabilmente collocabile tra gli autoctoni di zona nel comprensorio di Palermo. I vini (tutti 2016). Camporeale: Scialai (Noto); La Monaca (Sallier de la Tour); Roano (Feudo Disisa); Kayd (Alessandro di Camporeale). Côte du Rhône: La Champine (Domaine Jean Michel Gerin); Brézéme (Eric Texier); Crozes Hermitàge Rouge (Domaine Combier); Saint Joseph Rouge (Domaine Jean Micheal Gerin)

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close