Lunedì 26 Ottobre 2020

Blanco di Messina, La Spada e Biuso danno vita a una serata tra alta cucina e pizza

MESSINA. Armonioso connubio tra materie prime di qualità, farine di grani antichi siciliani, rispetto dei tempi e accurata ricerca. Particolare attenzione alla cura dei dettagli dà vita a pizze per palati sofisticati. “Pizza My Star - Viaggi del gusto tra alta cucina e pizza contemporanea” è l'evento che ha visto insieme il pizzaiolo Matteo La Spada e lo chef Giuseppe Biuso, una stella Michelin del ristorante “Il Cappero” del Therasia Resort di Vulcano. La serata dedicata alla pizza e all’alta cucina si è svolta al Blanco (via Consolare Pompea 506), sede estiva della pizzeria l’Orso di Messina. Un luogo sul mare dal design semplice, lineare, luminoso.

A dare il via alla serata il Ricordo della messinese su pane biscottato ai grani antichi (La Spada). Tacos alla panella, gambero rosso, cipollina e finger lime (Biuso). Riccio, ricciola e riccia (Biuso). Montanara fritta con caponata e riccio di calamaro (La Spada). In abbinamento: Berlucchi ’61 Brut.
Non lascia certamente indifferente il Cannolo di melanzana, pomodoro, ricotta salata e cioccolato (Biuso). In abbinamento: Berlucchi ’61 Brut.

Pizze Margherita Dop (La Spada). Al padellino, Ostrica, ricotta al limone, passion fruit e aria di Franciacorta (La Spada). In abbinamento: Berlucchi ‘61 Blanc de Blancs 2012. Seppia, caciocavallo e mandorla (Biuso). In abbinamento: Berlucchi ‘61 Nature 2012
Al padellino, Speck d’anatra, vellutata di carote, alga marina, panna acida e polvere di cacao (La Spada). In abbinamento: Berlucchi ’61 Nature Rosé 2011.

Dessert Lampone, barbabietola e malva (Biuso). Dolce Margherita: confettura di pomodoro, ricotta di pecora e cristalli di basilico (La Spada).
Cocktail after dinner Yellow Submarine – a base di datterino giallo della Piana del Sele (Duilio Bello). In abbinamento gli spumanti Berlucchi.

«La pizza non è solo quella che ci è stata tramandata dalla tradizione napoletana che valorizza Marinara e Margherita – spiegano gli organizzatori – Ci sono importanti testimonianze come quella di Alexander Dumas, che ci ricordano che già a metà del 1800 la pizza appariva “di forma rotonda e si lavora con la stessa pasta del pane: varia nel diametro secondo il prezzo. A prima vista sembra un cibo semplice. Sottoposta a esame, apparirà come un cibo complicato. Ecco, noi vogliamo recuperare la tradizione più antica e usarla come trampolino verso l’internazionalità».
 

Or use your account on Blog

Error message here!

Hide Error message here!

Forgot your password?

Or register your new account on Blog

Error message here!

Error message here!

Hide Error message here!

Lost your password? Please enter your email address. You will receive a link to create a new password.

Error message here!

Back to log-in

Close