Wine&Beer

La degustazione “sperimentale” per la VII edizione del Premio Mediterraneo Packaging

single image

Castellamare del Golfo (TP). In occasione della 7° Edizione Premio Mediterraneo Packaging si è tenuta una degustazione davvero fuori dall’ordinario. Un vero e proprio viaggio nella viticoltura e nell’enologia sperimentale, provenienti da vitigni che, per la loro ubicazione e per il loro trattamento costituiscono una viticultura eroica.

L’esperimento e la sua proposta al pubblico è stata effettuata a cura dell’ente pubblico “Irvo”, Istituto   Regionale Vini e Oli che, nonostante le vicissitudini, è ancora alla ribalta più forte che mai dopo 69 anni.

La degustazione è stata altresì impreziosita dalla splendida cornice che l’ha ospitata, l’Hotel Marina di Petrolo, di recente costruzione in quel di Castellamare del Golfo.

Una location vista mare che ha fatto da corollario a questa degustazione sui generis.

Il vino sperimentale in degustazione

Sei sono stati i vini sperimentali presentati dall’Irvo, che toccano diversi territori e tematiche. Si sono susseguiti in modo decrescente con riferimento alla quota di ubicazione del vitigno.

Si è partiti da uno spumante sperimentale, il catarratto bianco lucido, spumante Metodo Classico coltivato ad Ucria, sito all’interno del Parco dei Nebrodi, coltivato ad alta quota (1250m), in un luogo caratterizzato da una forte biodiversità varietale. Vendemmiato nel 2014, anno che ha visto protratte le piogge fino a inizio estate con temperature mediamente fresche che hanno comportato maturazioni più prolungate. Ha fatto 45 mesi di affinamento e la sua sboccatura è del mese di dicembre 2018. Lo spumante ha manifestato ottime tracce di freschezza al palato.

Con il Lucignola 2018 ed il  Bracau 2018 siamo scesi a quota di 500 m. Il primo nasce da un vitigno recuperato nel messinese, anch’esso nei monti Nebrodi  impiantato nell’anno 2014 e raccolto nel settembre 2018. Mentre il Bracau 2018 prende le mosse da un vigneto recuperato nel Catanese, nel vigneto Verbumcauda, ad un’altitudine di 500 m, impiantato nel 2014 e raccolto nel settembre 2018. Quest’ultimo, sia pur nella sua giovanissima età, si è presentato più strutturato e predisposto all’invecchiamento.

Scendendo di quota…

Alla quota di 80 m, troviamo il vino sperimentale il cui nome è Merlese 2018, vitigno ottenuto nel 1983 dal prof. Cesare Intrieri presso l’università di Bologna da un incrocio di Sangiovese e Merlot, nel vigneto di Biesina, in provincia di Marsala, impiantato nel 2011 e raccolto nel 2018.

Ultimi ma non ultimi il Frappato 2018 e Frappato defogliato 2018, ci hanno dato la vera idea di sperimentazione. Si tratta dello stesso vino che assume connotazioni diverse, soltanto attraverso la modifica di una tecnica di viticultura: la defogliazione. Davvero molto interessante verificare come i tratti di un vino, a partire dal naso a finire con il gusto, siano notevolmente mutati soltanto tramite la rimozione delle foglie presenti nel vigneto. Il defogliato si è infatti presentato al palato più fresco, più profumato e più astringente, rispetto a quello sopra il quale le foglie persistevano.

La cena al Silos di Castellamare con la pasta de l’Antica Maccheroneria

La serata è proseguita con la cena al ristorante Silos di Castellamare del Golfo. Avvolti da una incantevole panorama e del vino Grillo Terre Siciliane premiato I.G.P., ottenuto da uve Catarratto raccolte a mano e vinificate a temperatura controllata, i commensali hanno gustato una cena all’altezza delle aspettative del luogo.

Dopo un antipasto a base di gambero rosso di Mazara allo zenzero, caponata di pesce spada, tortino di sarde e polpo grigliato, siamo approdati ad un tris di pasta di ottima qualità, de l’Antica Maccheroneria.

Riccioli napoletani con crema di zucca e maialino nero dei Nebrodi croccante, linguine con crema di zucchina, pomodorini, basilico e ricotta salata dal gusto piccante e deciso e calamarata con polipetti.

La prima giornata della settima edizione del premio Premio Mediterraneo Packaging si è conclusa così, con un sorbetto al limone, all’insegna della sperimentazione della nostra Sicilia. Oggi, 1 giugno, alle ore 18.00 si assisterà alla premiazione per il conferimento del Premio Mediterraneo Packaging giunto alla 7°edizione.

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.

13 − tre =