Itinerari di gusto

Strada del Vino e dei Sapori della Valle dei Templi: video e interviste ai produttori

AGRIGENTO. L’unione fa la forza e la forza sta nell’unicità di un territorio che racchiude sapori autentici e paesaggi incantevoli.

Protagonisti vino e olio dell’area archeologica della Valle dei Templi. Vengono valorizzati attraverso i loro produttori con l’obiettivo di favorire incoming e turismo di qualità. Nasce così “Strada del Vino e dei Sapori della Valle dei Templi”.

La manifestazione, svoltasi l’1 e 2 giugno, si aperta col convegno dal titolo “Vino, Sapori e unicità del territorio” a Casa Sanfilippo ad Agrigento per concludersi, il giorno seguente, con la degustazione nell’area del Parco Archeologico.

Il dibattito, moderato da Federica Raccuglia, ha visto la partecipazione attiva di appassionati, tecnici e giornalisti. Sono intervenuti Luigi Bonsignore e Fabio Gulotta, rispettivamente presidente e direttore della Strada, Giuseppe Parello, direttore del Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, Gregorio Sparacino, presidente della Federazione Strade del Vino Siciliane, Florinda Saieva del Farm cultural park, padre Giuseppe Pontillo della curia di Agrigento, e Vincenzo Cusumano, direttore dell’Irvo, Istituto Regionale del Vino e dell’Olio.

Dal convegno è emerso che “In Italia arrivano in media 17 milioni di turisti attratti dal settore enogastronomico, di cui il 90% per il vino, generando flussi economici di cinica cinque miliardi di euro. Di Questi 17 milioni, il Meridione percepisce meno del 7%, che dal Lazio in giù si spalma in altre otto regioni, tutto il resto rimane confinato tra Toscana, Piemonte e Trentino Alto Adige. La differenza non sta solo nei numeri, ma nelle diverse strategie di marketing che hanno attuato queste regioni per fare incoming”.

Nel video le interviste ai produttori.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

quattro + quattordici =