Itinerari di gusto

Migliore pizzeria per Best in Sicily è Frumento di Acireale, ricerca e sperimentazione

single image

ACIREALE. Migliore pizzeria per Best in Sicily.  Emanuele Serpa e Federica Lazzaro sono i giovani imprenditori (under 30), proprietari di Frumento (Acireale) e vincitori, come migliore pizzeria, del premio Best In Sicily 2019, ricevuto alla presenza di Oscar Farinetti e Alessandro Baricco.

Il duo Serpa-Lazzaro conosce bene il valore delle consulenze tecniche e di una buona pianificazione aziendale; l’importanza di una proposta gastronomica variegata e legata alla stagionalità delle materie prime e di una drink-list equilibrata e studiata per la pizza. Altrettanta rilevanza è riconosciuta, dai proprietari, alla location, non solo centrale (piazza Giuseppe Mazzini, Acireale) e facile da raggiungere, ma anche funzionale e curata in ogni dettaglio. Basti pensare alle divise dello staff realizzate dall’artista Ilaria Petri che ha dipinto a mano con colori naturali i grembiuli in puro lino, donando un ulteriore tocco glamour a Frumento.

Migliore pizzeria, ricerca, crescita e sperimentazione

Ricerca, crescita e sperimentazione contraddistinguono il lavoro fatto, nel corso di questi primi tre anni di vita, da Emanuele Serpa, Federica Lazzaro e dal loro staff. Non è, infatti, un caso che Frumento abbia ricevuto da Cronache di Gusto l’ennesima attestazione di qualità, che si aggiunge alle precedenti.

Frumento, infatti, è segnalata all’interno della “Guida ai Ristoranti e Pizzerie di Sicilia” del 2018 e del 2019 edita da Il giornale di Sicilia; della guida online “50 top pizza” a cura di Luciano Pignataro, Barbara Guerra e Albert Sapere; della “Guida ai sapori e ai piaceri della Sicilia 2019” di Repubblica; de “I Ristoranti d’Italia 2018” dell’Espresso.

Grani antichi siciliani, e materie prime nostrane di alta qualità

Nel 2015, Serpa e Lazzaro, decidono di lanciare sul mercato una idea di pizza contemporanea che coniuga e sublima insieme i migliori grani antichi siciliani, le materie prime nostrane di alta qualità e una lavorazione della pasta di dichiarata scuola napoletana. La loro proposta è suddivisa in cinque tipologie di pizza: “margherita”, “mare”, “campagna”, “salumi”, “pizze convenzionali” cui è possibile associare un’interessante e ricca selezione di vini (più di 150 etichette) e di distillati, tutti rigorosamente esposti in sala.

Sarebbe riduttivo, però, raccontare Frumento parlando solo della pizzeria. Nell’ottobre del 2018, infatti, è stato inaugurato l’american bar – “Banco” (da bancone) – in cui è possibile sedersi a sorseggiare, dalle 18.30 in poi, un buon drink o un calice di vino insieme a un ricco aperitivo al tavolo, degli appetizers o all’insolita ma molto apprezzata accoppiata Pizza&Cocktail.

Drink list di cocktail studiata per esaltare il connubio Pizza&Cocktail

Il barman, Gianluca Stella, ha messo appunto una drink list di cocktail, classici e rivisitati, studiata appositamente per esaltare il connubio Pizza&Cocktail, lanciato da Frumento. Si pensi al bloody mary fatto con centrifuga di datterino, al vermut aromatizzato ai funghi porcini, al bitter all’olio d’oliva, ecc.

Serietà della proposta food&drink, professionalità dello staff e ambiente conviviale: sono aspetti fortemente voluti e curati dai due giovani imprenditori di Frumento che ne hanno fatto un punto di  partenza e mai d’arrivo della loro attività.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

uno × 3 =