Itinerari di gusto

Calici in festa a Palermo, torna “Avvinando Wine Fest”

avvinando

PALERMO. Torna Avvinando. Dopo i grandi numeri registrati nell’edizione dello scorso anno, riecco l’11 e il 12 maggio prossimi Avvinando Wine Fest nella sua consueta location dei Cantieri Culturali alla Zisa arricchita di tante novità, a cominciare dal doppio giorno sabato-domenica, anziché venerdì-sabato come nel 2018. Non solo vino quest’anno, ma anche grappa, amaro, olio, salmone.

Circa un centinaio le aziende partecipanti

Le adesioni crescono e saranno quasi cento le cantine che prenderanno parte alla prestigiosa vetrina di vino palermitana. Previsto un folto programma di assaggi, degustazioni guidate e momenti di approfondimento, tutti giocati sulla relazione tra mondo enologico e mondo culturale.

Vino, ma anche gastronomia

Poi ancora un village esterno con prodotti tipici siciliani, street food, musica, cooking show e masterclass dedicate non solo al mondo delle eccellenze enologiche, ma anche all’ambito della gastronomia.

La manifestazione si inserisce nel calendario delle manifestazioni di interesse rilevante per l’anno 2019 della Regione Siciliana, con una serie di eventi aperti al grande pubblico ideati per raccontare il mondo del vino in modo semplice ed appassionante.

Racconti e passioni,
ad ogni produttore la sua filosofia

«Quest’anno ci saranno più produttori, sponsor e aziende collaterali al vino – così gli organizzatori Massimiliano Morghese, Giuseppe D’Aguanno e Marco Busalacchi. Avvinando è una manifestazione in cui converge a tutto tondo il mondo del vino: dal biologico al biodinamico, dalle aziende naturali alle convenzionali. Ogni produttore racconterà propria storia, la propria passione e il proprio modo di fare il vino con la propria filosofia di produzione».

Avvinando Wine Fest è uno degli eventi di riferimento del settore vinicolo nel Sud Italia. «Saranno previsti seminari presso lo spazio Cre.Zi.Plus con dieci produttori vitivinicoli interamente dedicati alla sostenibilità ambientale del mondo del vino – afferma Massimiliano Morghese. Inoltre un laboratorio con la Cantina Pellegrino dal nome curioso “5 Grilli per la testa” in cui ci sarà la possibilità di degustare cinque tipologie di Grillo differenti. Chiuderemo – conclude Morgheseinfine con uno spazio culinario finale in cui ci sarà una cena a tema con un paio di chef altisonanti».

Condividi su:

Leave a Response

17 + uno =