Curiosità

Slow CIBUS, il 31 maggio nella Baronia di Capo Milazzo

MILAZZO (Me). Il 31 maggio nella Baronia di Capo Milazzo (Me) si svolgerà la prima edizione di SlowCIBUS, un evento enogastronomico organizzato da P.A.N. Travel Solution srls. in collaborazione con l’Associazione “Il Giglio” e la Fondazione Lucifero di S. Nicolò.

L’idea nasce dal desiderio delle associazioni, nell’anno dedicato al “Turismo lento”, di presentare e promuovere le attività turistiche svolte in collaborazione, indirizzate ai viaggiatori che intendano visitare la provincia di Messina e in particolare l’area peloritana vivendo il viaggio con “lentezza”, provando le emozioni che il territorio può offrire, apprezzandone la cultura locale e gli aspetti tradizionali.

Poiché il cibo è uno degli elementi caratterizzanti della cultura di un territorio, protagonisti di questa prima edizione saranno i prodotti tipici siciliani, che saranno interpretati da:

Francesco Arena del Panificio Masino Arena, Messina – Salvatore Armeli Moccia e Giovanna Costanzo di Bontà Nostra, Sant’Agata di Militello (Me) – Giacomo Caravello del Ristorante Balice, Milazzo (Me) – Giorgio Cicero del Ristorante Mùrika, Modica (Rg) – Rosario D’Angelo di Sikè Gelato, Milazzo (Me) – Giuseppe Geraci del Ristorante Modì, Torregrotta (Me) – Sandro Pace di Cantunera, Comiso (Rg) – Giuseppe Pastura di Uzeta, Catania – Tindaro Ricciardo del Ristorante Borgo Murauto, Piraino (Me) – Sergio Russo della Pizzeria Trattoria Da Clara, Venetico (Me) supportati dai ragazzi dell’Istituto Professionale Alberghiero, “Renato Guttuso” di Milazzo.

Sarà una rilettura, in chiave contemporanea, della tradizione contadina locale essenzialmente basata su un’alimentazione vegetariana ritenuta povera ma che rivisitata da chef di rinomati ristoranti può allargare gli orizzonti ad un nuovo modo di intendere la gastronomia del territorio in modo moderno, seppur ancorato ad alimenti tradizionali.

I prodotti saranno forniti dalle aziende: Pietro Cunsolo, Pianeta Verde Bio (produce: Riso lentinese, grano Russello e Timilia, Olio extravergine di olive Giarraffa e Tonda iblea, ceci bianchi, lenticchia, cicerchia, Farina di carruba); Azienda agricola La Zagara in Fiore (Produce: Marmellate, Confetture, gelatine artigianali); Azienda Agricola Roberta Andaloro (produce: ortofrutta e conserve); Azienda Agricola Mario Lo Presti. Caseificio La Via Latea (produce: Latticini con il latte di capra Girgentana, specie autoctona siciliana che lui ha contribuito a salvare dall’estinzione); Cooperativa Agricola Conti Nobile Natura (Vanta un’esperienza pluriennale nella coltivazione e lavorazione della frutta secca biologica); Enrico e Grazia Rampi, Contrada Trizzina (Producono: Marmellate, confetture, miele); Francesca Molica Colella, Veggiessima La Green Chef (Chef di cucina naturale, trasforma i grani antichi in pane e dolci).

Grande importanza sarà data anche alla sana alimentazione e alla medicina naturale, temi curati dal Dott. Salvatore Sciotto, medico chirurgo e omeopata, che aprirà la manifestazione con le due mini conferenze, consecutive e collegate: 1) Siamo Uno con il pianeta e 2) I nostri nonni si cibavano di fotoni.

Nel corso dell’evento sarà visitabile anche una mostra fotografica avente per tema il cibo e i prodotti agro-alimentari del territorio.

Per partecipare all’evento è previsto l’acquisto di un biglietto mediante il quale si potrà avere accesso agli stand, alle attività previste e a un numero di degustazioni da definire presso le postazioni dei cuochi presenti.

Con il ricavato si finanzieranno le attività svolte a GIGLIOPOLI, la città dei bambini spensierati, dall’Associazione “Il Giglio” a sostegno dei bambini che vivono in situazioni economiche e sociali svantaggiate.

Sarà una giornata all’insegna della promozione del turismo lento ed eno-gastronomico, della valorizzazione delle risorse agro-alimentari del territorio, della promozione di una sana alimentazione e della solidarietà, da trascorrere, passeggiando tra terra e mare lungo sentieri naturalistici della Baronia a Capo Milazzo tra ulivi secolari, vigneti e orti biologici. Si potrà sostare presso una cantina D.O.P. per conoscere da vicino le tecniche produttive del rinomato vino Mamertino o degustare presso gli stand, vini, birra artigianale e prodotti alimentari del territorio, imparando a conoscerne caratteristiche e modalità produttive.

 

 

 

Condividi su:

Leave a Response

11 + 7 =